Campania: Minibond per piccole e medie imprese

Nasce in Campania “Garanzia Campania Bond”, uno strumento finanziario innovativo ideato dalla Regione Campania volto a garantire la crescita di piccole e medie imprese della regione.

“Garanzia Campania Bond” è il prodotto della convenzione tra Sviluppo Campania e l’RTI composto da Mediocredito Centrale-Banca del Mezzogiorno S.p.A. e FISG S.r.l. in qualità di Arranger dell’operazione.

Questo nuovo strumento finanziario ha l’obiettivo di favorire l’accesso al mercato di capitali da parte delle piccole e medie imprese, attraverso strumenti di finanza alternativa, per la realizzazione di progetti imprenditoriali di espansione, rafforzamento e innovazione.

“Garanzia Campania Bond” prevede l’emissione di Minibond da parte di piccole e medie imprese campane, adunati in un portafoglio con un ammontare massimo di 148 milioni di euro. I Minibond sono sottoscritti da un’appropriata società veicolo che a sua volta emette titoli sottoscritti da investitori istituzionali. Il portafoglio è garantito da Sviluppo Campania con risorse del POR FESR Regione Campania 2014/2020 pari a 37 milioni di euro che coprono il 100% delle perdite fino a raggiungere il 25% del portafoglio.

I progetti finanziabili di “Garanzia Campania Bond” riguardano gli investimenti materiali (terreni, immobili, attrezzature, impianti e macchinari), immateriali (diritti di brevetti, licenze, know how o altre forme di proprietà intellettuale) ed esigenze relative al capitale circolante.

Attraverso questo strumento, le piccole e medie imprese campane potranno usufruire di un finanziamento a lungo termine, senza garanzie reali e, per effetto della garanzia pubblica con condizioni economiche competitive.

Possono candidarsi le piccole e medie imprese che hanno sede operativa nella Regione Campania e hanno un Rating valido rilasciato da un’Agenzia ECAI, almeno pari a BB- sulla scala Standard & Poor’s (od equivalente).

Potranno partecipare le piccole e medie imprese campane capaci di soddisfare le aspettative degli investitori, non ancora in possesso di un Rating BB-, purché dimostrino al momento della manifestazione d’interesse i seguenti canoni:

  1. a) bilanci approvati e depositati in forma non abbreviata per gli ultimi tre esercizi;
  2. b) non aver conseguito perdite d’esercizio in più di uno degli ultimi tre esercizi e, sulla base dell’ultimo Bilancio approvato:

– Ricavi di Vendita: minimo Euro 10 (10) milioni;

– PFN/EBITDA: < [5,0]x;

– PFN/PN: < [3]x;

– EBITDA/Ricavi di Vendita: > [4]%.

Le manifestazioni di interesse delle imprese campane devono essere presentate entro le ore 12.00 del 9 dicembre 2019.

Chiama ora!