CASSAZIONE: APPALTATORE O SUBAPPALTATORE CHI E’ RESPONSABILE IN CASO DI INFORTUNIO AI DIPENDENTI?

Se il titolare di un’impresa appaltatrice concede in subappalto dei lavori senza controllare  la regolarità del POS (Piano Operativo di Sicurezza) della stessa, e durante l’esecuzione dei lavori un dipendente della subappaltatrice si infortuna o si invalida, su chi ricade la colpa ed eventuale condanna?

LA SENTENZA:

La Cassazione afferma che, ai sensi dell’art. 97 del D.lgs. 81/2008, il titolare dell’impresa committente ha l’obbligo di verificare le condizioni di sicurezza dei lavori affidati e l’applicazione delle disposizioni e delle prescrizioni del piano di sicurezza e coordinamento. A tal riguardo, il medesimo deve, altresì, verificare la congruenza dei Piani Operativi di Sicurezza delle imprese esecutrici rispetto al proprio, prima della trasmissione dei suddetti piani al coordinatore per l’esecuzione.

Secondo i Giudici di legittimità, all’imprenditore della società committente che non abbia adempiuto ai predetti obblighi, in caso di sinistro ad un dipendente della ditta cui sono stati affidati i lavori, dovrà essere ascritta una responsabilità penale.

Di conseguenza il titolare dell’impresa che aveva affidato i lavori viene condannato, in primo e secondo grado, per culpa in eligendo nella scelta e nel controllo dell’affidataria del subappalto, per mancato coordinamento degli interventi e per omessa formazione al lavoratore infortunatosi.

 

Chiama ora!