DECRETO CRESCITA 2019 PROROGA DEL CREDITO D’IMPOSTA R&S

Il Decreto Crescita dovrebbe estendere la possibilità di fruire del credito d’imposta anche al periodo compreso tra il 2021 e il 2023, stabilizzando la misura dell’incentivo al 25%. Per il calcolo della spesa incrementale bisognerà prendere come riferimento la media degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo realizzati nei tre periodi d’imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2019, quindi il parametro storico sarà rideterminato sulla base delle attività di R&S svolte nel triennio 2016-2018.

 La stima dell’impatto finanziario futuro del bonus ricerca è pari a 370 mln di euro all’anno per il triennio 2022-2024, quindi nettamente inferiore rispetto ai numeri fatti registrare fino ad ora. Tra le varie misure spicca un credito d’imposta pari al 30% dei costi di ricerca e sviluppo fino a 100 milioni di euro e del 5% sull’eventuale eccedenza di spesa. Il credito maturato è riportabile in avanti per un massimo di tre esercizi e, se non utilizzabile può diventare rimborsabile; possibilità che lo rende di fatto un vero e proprio contributo in denaro.

Chiama ora!