Dispositivi di Protezione Individuale: cos’è cambiato

Quali sono le principali novità normative relative ai dispositivi di protezione individuale? Esaminiamo quanto previsto dal Decreto DPI e in quale misura è cambiata la normativa nazionale vigente.

Dpi, cosa sono

Cosa sono i Dpi? Per dpi si intende una qualsiasi attrezzatura utilizzata o indossata dal lavoratore con lo scopo di proteggersi da una serie di rischi che attentano alla sicurezza o alla salute dello stesso. Il Decreto Legislativo 81/08 definisce il significato di dpi e dispone nel merito della regolamentazione della materia che li riguarda. Vediamo in seguito quanto disposto dalla fonte normativa.

Dpi, dispositivi di protezione individuale

I Dpi o dispositivi di protezione individuale dovranno essere ideati, progettati e realizzati in modo tale che, adempiendo la propria funzione, garantiscano al lavoratore la possibilità di operare svolgendo normalmente la propria attività, disponendo di una protezione appropriata. Secondo quanto disposto dal Decreto Legislativo 81/08 i dpi dovranno essere necessariamente adeguati ai rischi che essi dovranno prevenire, senza comportare l’insorgere potenziale di altri rischi. E’ importante precisare che nella scelta dei dispositivi di protezione individuale il datore di lavoro avrà l’obbligo di coinvolgere il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Contestualmente il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione avrà l’obbligo di fornire informazioni ai lavoratori sui d p i che verranno adottati dall’azienda. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza avrà invece la possibilità di individuare le misure di prevenzione atte a tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori che egli rappresenta.

Elenco dei dispositivi di protezione individuale

In riferimento all’elenco dei dispositivi di protezione individuale, questi ultimi vengono classificati e distinti in tre categorie:

  • Dpi di prima categoria: dispositivi di protezione per attività caratterizzate da un rischio minimo in grado di procurare danni di lievi entità. Il rischio potrà in questo caso essere rappresentato da vibrazioni, raggi solari, lievi urti e fenomeni atmosferici. I dpi di prima categoria vengono auto certificati dal produttore.
  • Dpi di seconda categoria: rientrano in questa categoria i dispositivi che non fanno parte delle due altre categorie e che sono legati ad attività caratterizzate da rischio significativo. Per questi dispositivi è richiesto un attestato di certificazione effettuato da un organismo di controllo autorizzato.
  • Dpi di terza categoria: dispositivi in grado di proteggere il lavoratore da rischi potenzialmente gravi in grado di creare danni permanenti alla salute o causanti potenziale rischio di morte. Alcuni esempi di questi dispositivi sono le imbragature, i caschi con allaccio sottogola o ancora i guanti ignifughi e gli autorespiratori.
Chiama ora!