EFFICIENTAMENTO ENERGETICO REGIONE CAMPANIA

E’ sempre maggiore il ruolo delle aziende campane nella riduzione dei consumi energetici e nell’utilizzo di fonti rinnovabili. La Regione Campania proprio in considerazione dell’attuale tendenza delle imprese a manifestare la propria anima green, sostiene le aziende nella realizzazione di progetti di investimento energetico.

Nello specifico le imprese campane che intendono realizzare investimenti per l’efficienza energetica e l’utilizzo  delle fonti di energia rinnovabile, potranno usufruire di un contributo a fondo perduto concesso dalla Regione Campania con il cofinanziamento di risorse del POR FESR 2014-2020.

L’intervento intende favorire la diminuzione dei costi legati alla domanda energetica, per migliorare la competitività e la riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra. In particolare, saranno ammissibili al contributo attività finalizzate all’aumento dell’efficienza energetica nei processi produttivi (a titolo esemplificativo: sostituzione dei sistemi di riscaldamento, condizionamento, alimentazione elettrica e illuminazione); l’installazione di impianti di cogenerazione ad alto rendimento; attività finalizzate all’aumento dell’efficienza energetica degli edifici dove si svolge il ciclo produttivo ( a titolo esemplificativo: isolamento termico dei perimetri dove si svolge il ciclo produttivo come rivestimenti, infissi, isolanti) e attività di installazione di impianti a fonti rinnovabili.

Gli investimenti ammissibili devono essere compresi tra quelli suggeriti da una diagnosi energetica predisposta da un tecnico esterno all’organizzazione del proponente e senza vincoli di dipendenza con l’impresa (requisito propedeutico per la partecipazione all’Avviso).

E’ necessario che le imprese richiedenti intendano realizzare l’investimento in sedi operative ubicate o da ubicarsi nel territorio della Regione Campania e che, alla data di inoltro della candidatura telematica, siano già costituite e iscritte nel Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura territorialmente competente e abbiano approvato almeno un bilancio ovvero presentato almeno una dichiarazione dei redditi.

Possono presentare domanda anche i liberi professionisti che esercitano in forma individuale, associata o societaria ai sensi delle leggi vigenti purchè in possesso di partita IVA, rilasciata dall’Agenzia delle Entrate, per lo svolgimento dell’attività e regolarmente iscritti ai relativi albi, elenchi, ordini professionali previsti dalla vigente normativa.

Il sostegno economico alle imprese verrà concesso sotto forma di  contributo in conto capitale a fondo perduto e saranno ammissibili i Piani di investimento aziendale con un importo uguale o superiore a 50.000 euro. L’intensità massima di aiuto concedibile sarà pari al 50% delle spese ammissibili e comunque non potrà essere superiore ai 200.000 euro così come disposto dalla normativa europea attualmente vigente.

Le MPMI e le grandi imprese, insieme ai liberi professionisti in forma individuale o societaria, potranno accedere e registrarsi alla piattaforma informatica dedicata, http://sid2017.sviluppocampania.it, a partire dal 2 luglio 2019.

Successivamente, tramite il sistema online, i beneficiari dell’avviso potranno procedere all’invio della domanda di contributo e dei relativi allegati, entro il 18 ottobre 2019, salvo proroghe.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiama ora!