Sanzioni sulla sicurezza sul lavoro

Le sanzioni relative alle violazioni delle norme vigenti a tutela della salute e delle sicurezza sul lavoro sono rincarate del 10 per cento: questo si traduce in sanzioni pecuniarie ancora più importanti ed onerose.

Tabella sanzioni sicurezza sul lavoro

A tutela di salute e sicurezza nell’ambito del lavoro, vi è un complesso sistema di norme e relative sanzioni, che delineano diversi gradi di responsabilità. Il D. Lgs. 81/2008 classifica le sanzioni previste per responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro, con un tabella che elenca i principali adempimenti, con i relativi riferimenti normativi e le sanzioni previste. La tabella di adempimenti, norme e sanzioni relative alla sicurezza sul lavoro è suddivisa in tre colonne: adempimento obbligatorio, riferimento legge e sanzione. Ad esempio alla prima voce abbiamo nella colonna relativa all’adempimento obbligatorio “Valutare tutti i rischi presenti in azienda ed elaborare il DVR”; nella relativa colonna riservata alla legge, la tabella indica la fonte normativa di riferimento (Art. 17 comma 1 a) Dlgs  81 08 e successive modifiche e integrazioni). Le sanzioni previste dal D Lgs 81 08 sono l’arresto da 3 a 6 mesi e l’ammenda da 2.500 Euro a 6.400 Euro.

Responsabilità del datore di lavoro e sanzioni in materia di sicurezza sul lavoro

La normativa vigente prevede per il datore di lavoro una serie di sanzioni e responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro. Si potranno configurare tre diverse tipologie di responsabilità: penale, civile ed amministrativa. All’interno di dette categorie andrà poi operata una distinzione nel merito delle responsabilità individuali, che potranno essere soggettive o in alternativa oggettive.

Legge sicurezza sul lavoro

Come detto precedentemente la legge vigente in materia di sicurezza sul lavoro configura tre tipologie di responsabilità. La responsabilità penale sarà sempre di carattere soggettivo e le sanzioni previste dal Codice Penale colpiranno sempre un soggetto individuale (pene di carattere detentivo, pecuniario o applicazioni di tipo accessorio). La responsabilità civile potrà essere di tipo soggettivo o oggettivo e le sanzioni definite dal Codice Civile potranno colpire sia un soggetto individuale che un’impresa. La responsabilità amministrativa è di tipo soggettivo e prevede sanzioni di tipo pecuniario, oltre sanzioni interdittive che colpiranno sia i soggetti individuali che gli enti.

Chiama ora!